sabato 14 aprile 2012

Napolitano: speculatori ed evasori non associabili all'Italia

Agli Stati Generali della protezione Civile e del volontariato il Presidente Napolitano ha chiarito un suo concetto, contrapponendo il mondo del volontariato con quello della speculazione e dell'evasione, tanto per evidenziare il massimo della distanza tra due tipologie ben distinte di persone. Il nostro paese è costituito da un intreccio di positivo e negativo e fornisce immagini diverse, a chi lo osserva, inizia Napolitano. Se da una parte c'è l'Italia migliore rappresentata dalla Protezione civile e dai volontari, dall'altra parte c'è chi non merita nemmeno, nel pensiero di Napolitano, di esserle associato, e cioè chi fa speculazione edilizia e gli evasori fiscali. E su questo siamo d'accordo.
Rammento però al Presidente che speculatori ed evasori sono molto spesso figli della politica, inteso come connivenza tra mondo imprenditoriale e amministratori pubblici, per cui è solo dalla benevolenza dei secondi che i primi traggono linfa per speculazioni ed evasioni. Ne seguirebbe che ancora meno di speculatori ed evasori amministratori e politici infedeli dovrebbero essere associabili all'Italia. E di fatto ne abbiamo delle prove continue, alcune anche recentissime.
Ecco, mi sarebbe piaciuto che il Presidente l'avesse ricordato.
Ecco la nota del Quirinale.

"L'Italia migliore prevalga su tutto quello che ci frena e ci fa trovare oggi in gravi difficoltà ad affrontare la crisi che stiamo vivendo"

"Più volte nel corso di questi ormai sei anni, in occasione di iniziative, cerimonie e incontri di varia natura mi è venuto spontaneo dire: "Questa Italia della solidarietà e dell'impegno civile, che è precisamente rappresentata dalla Protezione Civile, dai volontari della Protezione Civile, anche da molteplici realtà, espressioni e forme associative, è davvero un'Italia speciale, è l'Italia migliore". Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, intervenendo agli "Stati Generali del Volontariato di Protezione Civile" in corso all'Università degli Studi di Roma Tre.

"Io capisco che queste definizioni, queste espressioni - ha aggiunto il Capo dello Stato - si possano anche prestare a qualche equivoco perché, lo sappiamo bene, l'Italia è una, è una come Nazione, come società e come Stato. Ma certo il nostro Paese presenta di sé diverse immagini ed esprime anche diverse logiche di comportamento. E, in un intreccio complesso di positivo e negativo, si manifestano anche - non possiamo dimenticarlo - logiche particolaristiche, asociali, di scarsa considerazione se non di aperto dispregio dell'interesse generale del paese e del bene comune: ad esempio, logiche di speculazione o di cieco calcolo individuale che calpestano esigenze di tutela dell'ambiente e del patrimonio storico e di salvaguardia del territorio. Così come non è, io credo, un fuor d'opera evocare le logiche di rifiuto, logiche irresponsabili di rifiuto del dovere fiscale. Ebbene, - ha sottolineato il Presidente Napolitano - io non contrappongo all'Italia della solidarietà, dell'impegno civile, del volontariato, l'Italia della speculazione edilizia o dell'evasione fiscale, perché questi comportamenti devianti, per quanto diffusi, non meritano di essere associati al concetto e alla parola Italia. Ma è importante valorizzare e portare ad esempio tutte le pratiche di solidarietà e di impegno civile come la vostra, perché sempre di più con esse si identifichi l'Italia, perché sempre di più l'Italia migliore prevalga su tutto quello che ci frena e ci fa trovare oggi in così gravi difficoltà ad affrontare la crisi che stiamo vivendo".
[fonte quirinale]
 imagecredit quirinale.it

1 commento:

  1. ambro de ambris14 aprile 2012 10:43

    Ma la " loro" italia, quella dei politici, non esiste ?
    allora parliamone un po'.
    Intorno a Napolitano c’e’ un mare di gente
    ( o detto meglio, facce a c-lo : Politici, sindaci, governativi etc ) che sta
    piangendo miseria al loro presidente; quest’anno per mancanza di fondi non
    sanno ad esempio come poter comprare la barca a vela nuova o la nuova Cayenne
    per la nuova amante T-oia. Aleggia quindi la paura di dover rinunciare a
    qualcosa, mentre alle loro facce hanno invece gia’ rinunciato da parecchio.( lo sanno cioe’  di  essere facce a c-lo, ma non gliene frega
    niente). A causa di questa maledetta crisi,poverini, potranno forse solo
    fare  neanche la meta’ degli imbrogli che
    di solito fanno, crisi maiala!

    Napolitano si deve
    essere  impietosito di queste” grida di
    dolore che da ogni parte del parlamento si leva”,

    forse anche perche’ anche lui sara’ costretto a rinunciare a
    qualche cosa, magari a qualche investimento per la sua speriamo lontanissima vecchiaia.
    Chiaramente e giustamente proprio ora c’e’ allora da indignarsi quindi verso i
    subdoli evasori fiscali, perche’ non sono degni di questa Italia, non sono
    degni di essere italiani.

    A ragione, ed ha anche ragione.
    Come faranno infatti le facce a c-lo, pardon,  cioe’ i degni italiani, senza ulteriori
    introiti a pagarsi anche quest’anno le put..ne, i rich..ni e trans vari ?
    Dovranno forse rinunciare anche a questo, che e’ una delle poche cose che
    lenisce le loro  angosciate anime
    italiche ?

    Vedetevi questo filmato :
    http://wn.com/NAPOLITANO_EURODEPUTATO_TALLONATO_DA_TV_TEDESCA_SU_RIMBORS

    RispondiElimina

Come si dice, i commenti sono benvenuti, possibilmente senza sproloqui e senza insultare nessuno e senza fare marketing. Puoi mettere un link, non a siti di spam o phishing, o pubblicitari, o cose simili, ma non deve essere un collegamento attivo, altrimenti il commento verrà rimosso. Grazie.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...