mercoledì 12 marzo 2014

Donne e politica: le quote rosa nel mondo

 L'argomento è di quelli che appassiona e divide, compreso chi vuole riconoscere (almeno a parole) pari accesso alla politica alle donne ma senza stravolgere radicati principi democratici che vogliono che, in ultima istanza, siano gli elettori a decidere. Se si nota, questo principio di libera scelta dell'elettore, mal si accorda con le liste bloccate, ma questo è un altro discorso. Un'occhiata alla situazione internazionale può essere utile per osservare, in prospettiva, le cose italiane. Un'organizzazione che si è occupata di monitorare l'accesso delle donne alle cariche politiche è Quota, nata dalla collaborazione di International IDEA, Inter-Parliamentary UnionStockholm University.
I risultati, oltre che in rapporti e analisi, sono condensati in una mappa navigabile con motore di ricerca per singolo stato. Eccola

http://www.quotaproject.org/

 image credit www.quotaproject.org





2 commenti:

  1. Caro Paolo,
    come probabilmente già sai, io sono contro ogni tipo di quota (ma sono anche contro le liste bloccate, che abbiamo anche qui in Germania).
    Qui, secoli fa, le mie motivazioni, a mio parere ancora valide oggi: http://pensieri-eretici.blogspot.de/2010/01/quote-rosa.html
    Saluti,
    Mauro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Mauro, se fossimo organismi che tendono spontaneamente alla perfezione sarebbe come tu dici e scrivi. Siccome non lo siamo, in qualche modo bisogna forzare la tendenza. Questo o un altro modo, poco importa, purchè anche il più "debole" riesca ad emergere per i propri meriti

      Elimina

Come si dice, i commenti sono benvenuti, possibilmente senza sproloqui e senza insultare nessuno e senza fare marketing. Puoi mettere un link, non a siti di spam o phishing, o pubblicitari, o cose simili, ma non deve essere un collegamento attivo, altrimenti il commento verrà rimosso. Grazie.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...