lunedì 28 luglio 2014

Gaza prima e dopo i bombardamenti: una fotografia dal satellite

L'UNITAR, l'Institute for Training and Research delle Nazioni Unite, pubblica una foto satellitare della zona nord-est della Striscia di Gaza sottoposta ai bombardamenti dagli israeliani. La fotografia confronta la stessa area il giorno 6 e il 25 luglio, cioè prima e dopo numerosi bombardamenti. Nella foto si vedono intere abitazioni rase al suolo e aree agricole ridotte a cumuli di polvere. Non bastasse la conta dei morti, questa testimonianza  fotografica dei danni materiali aiuta a rendere conto della tragedia che sta vivendo la popolazione palestinese.
Qui per la versione estesa della foto con didascalie.


Copyright: CNES 2014, Distribution Airbus Defence and Space


giovedì 24 luglio 2014

Il nuovo codice della strada: i punti chiave della riforma

In un periodo storico come questo, contrassegnato dall'uso quasi spregiudicato del termine riforme, teso a indicare una modifica senz'altro migliorativa delle legislazione vigentenon poteva mancare, tra le altre,  la riforma del codice della strada. E infatti una riforma del codice stradale  è allo studio in Commissione Trasporti alla Camera, dove sono presenti due proposte di legge, anche se i tempi si prevedono ancora un po' lunghi. In un dossier riassuntivo del servizio studi della Camera si raccolgono i punti principali di questo nuovo codice della strada.
Eccoli e, di seguito, il pdf del dossier.

Il viaggio verso Genova della Costa Concordia. La partenza

Ieri il gigante si è mosso dal suo tragico ormeggio per puntare  verso il nuovo approdo. La Costa Concordia non fa più parte del panorama dell'isola del Giglio, anche se rimarrà nella memoria dei suoi abitanti per molto tempo. Ecco un breve filmato della Guardia Costiera, con ripresa dall'elicottero, dell'inizio del lungo viaggio.



mercoledì 23 luglio 2014

M5S: proposte concrete per ridurre i costi della Camera (altroché la riforma del Senato)

Vi sono, essenzialmente, due tipi di politici. C'è chi si riempie la bocca con le riforme (parola magica!), declinate in tutte le salse, mantra ossessivo che si ripete dall'Europa all'Italia andata e ritorno e c'è chi fa proposte concrete e immediatamente realizzabili. Chi parla di riforme ha davanti agli occhi l'obbiettivo di disegnare scenari sontuosi, taumaturgici, ma che il più delle volte, se poi vengono mai approvati, non conducono a quasi niente, perchè molti di quelli da rimuovere sono privilegi e si sa, idealisti sì ma fessi no. Chi, più semplicemente, parla di modifiche immediate, di ordini del giorno da approvare e mettere in pratica subito, ha in mente scenari più pragmatici e obbiettivi a portata di mano e mira a scardinare i privilegi e gli sprechi.
Quale credete sia la strada intrapresa dai governi? E quale credete sia la strada proposta dalle opposizioni (solo una, per la verità)? Un motivo c'è. Altrimenti, perchè non fare propri questi ordini del giorno del M5S e approvarli in tutta fretta?

lunedì 21 luglio 2014

Gli archi naturali si formano per sollecitazioni interne

Si è sempre pensato, così inizia questo articolo di Richard A. Lovett su Nature, che gli archi naturali, come quelli di arenaria, per esempio, visibili nella foto qui a fianco, si formassero e fossero modellati grazie all'erosione di vento e pioggia. Ma gli scienziati, si sa, sono poco propensi a dar retta alle opinioni non suffragate dai fatti e allora, dopo aver osservato fenomeni non spiegati da questa ipotesi,  hanno provato a verificare cosa succede ad alcuni blocchi di arenaria quando sono sottoposti all'erosione dell'acqua. Ecco due filmati degli esperimenti condotti con un un blocchetto di arenaria di 10 cm e un peso sovrastante distribuito irregolarmente. Nel primo esperimento si forma una colonna, nel secondo due.

domenica 20 luglio 2014

Il genoma del frumento

Con 6 copie di ogni cromosoma e 17 miliardi di paia di basi (cinque volte quelle che compongono il genoma umano) il genoma del frumento (Triticum aestivum) viene definito da Moreno Colaiacovo, giovane e brillante ricercatore, "un vero e proprio incubo per chi si occupa di genomica". Nonostante questa sua fama, però, i ricercatori (tra i quali il nostro Moreno) hanno ugualmente raggiunto un grandissimo risultato, un primo sequenziamento del genoma del frumento, tanto da meritarsi copertina, sezione speciale e lettura gratuita (previa registrazione) sulla rivista scientifica Science.
Quattro sono i lavori pubblicati su Science e disponibili gratuitamente dopo essersi registrati: A chromosome-based draft sequence of the hexaploid bread wheat (Triticum aestivum) genome di  K. Mayer et al., Ancient hybridizations among the ancestral genomes of bread wheat di  T. Marcussen et al., Genome interplay in the grain transcriptome of hexaploid bread wheat di  M. Pfeifer et al. e Structural and functional partitioning of bread wheat chromosome 3B di  F. Choulet et al.

sabato 19 luglio 2014

In un video, le impronte degli astronauti sulla Luna, a 45 anni dallo storico allunaggio

Le cose, sulla Luna, non cambiano molto velocemente. A riprova, quelli del NASA Goddard mostrano questo filmato in 3D, realizzato con fotografie scattate dal LRO, il Lunar Reconnaissance Orbiter,  satellite lanciato nel giugno del 2009 dalla NASA per studiare la Luna. 
Quarantacinque anni dopo quel 20 luglio 1969 in cui l'Apollo 11 atterrò sulla Luna sono ancora visibili le tracce degli stivali degli astronauti e quelle dell'Apollo 11 lasciati sulla regolite (strato di polvere e detriti) presente sul suolo lunare. E' un filmato spettacolare e un'ennesima prova che sì, ci siamo stati, sulla Luna intendo. Per chi volesse gustarsi una straordinaria serie di filmati realizzati con le immagini prese dal LRO consiglio questa pagina del LROC, il sito dedicato alle tre fotocamere presenti sull'orbiter.





credits NASA Goddard

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...